Skip Navigation Links
Corpus Christianorum
Iohannes Chrysostomus
De Davide et Saule homiliae tres

F. Barone (ed.)
Add to basket ->
LXXXII+83 p., 155 x 245 mm, 2008
ISBN: 978-2-503-52797-0
Languages: Greek, English
HardbackHardback
The publication is available.The publication is available.
Retail price: EUR 85,00 excl. tax
How to order?

Francesca Barone presenta la prima edizione critica delle omelie De Davide et Saule di Giovanni Crisostomo. Delle omelie, che appartengono al periodo successivo alla Pasqua del 387, vengono esaminate la tradizione diretta, la tradizione indiretta, nonché la storia delle edizioni moderne. Il testo risulta trádito da 41 testimoni, la cui collazione integrale ha consentito di inferire l’esistenza di cinque diverse famiglie. Al di fuori di tali raggruppamenti si collocano due codici, il Mytilene Monè Leimonos 32, del X-XI secolo e il Monacensis Gr. 6, del X secolo. La tradizione indiretta si articola in tre rami: 1. l’omelia pseudocrisostomica Contra theatra, sulla quale non esistono studi e che pertanto non è ancora datata né è stata attribuita ad alcuno. L’omelia riprende la digressione contro gli spettacoli con cui inizia la terza omelia De Davide et Saule. 2. le Eclogae, una raccolta di componimenti a carattere morale composta nel X secolo da Theodoro Dafnopate a partire da stralci di omelie del Crisostomo (autentiche, o che il compositore riteneva tali); 3. una versione in copto sahidico della De Davide et Saule 3, trádita dal papiro VIII Orlandi, conservato presso il Museo Egizio di Torino. Quanto alla storia delle edizioni moderne, viene analizzato il testo edito da Savilio, Fronton du Duc, Montfaucon, Migne, vengono analizzate le relazioni fra gli editori, e quelle tra il loro testo e la tradizione mss. superstite.

Le omelie De Davide et Saule, ciclo di predicazioni sul tema dell’ira e delle virtù che ad essa si contrappongono, testimoniano l’attività esegetica e pastorale del Crisostomo all’inizio del suo percorso sacerdotale. Il caratteristico ricorso alle similitudini, di cui il Crisostomo si avvale per rendere più facilmente fruibili al pubblico i paradigmi morali proposti, offre inoltre al lettore moderno uno spaccato vivace e realistico della società coeva. Dai piaceri diffusi (vino, spettacoli, prostitute) ai giochi olimpici, dalle consuetudini domestiche alle prassi liturgiche.

Francesca Prometea Barone è Professore a contratto di Letteratura Cristiana Antica presso l’Università di Palermo e chercheur associé all’IRHT (CNRS) di Parigi. Per l’IRHT cura il volume dei Codices Chrysostomici Graeci dedicato ai fondi del Patriarcato Ecumenico di Istanbul.

Series Branch:
Corpus Christianorum
Corpus Christianorum Patristic Greek Series
Corpus Christianorum Series Graeca
Interest Classification:
Religion (including History of Religion) & Theology
Christian Theology & Theologians
Eastern Fathers
Classics, Ancient History, Oriental Studies
Greek literature
Byzantine Greek literature

Privacy Policy - Terms and Conditions © 2014 Brepols Publishers NV/SA - All Rights Reserved